Vincent Guillemoteau

Detenuto prigioniero 3 settimane dai terroristi!

All'inizio del 1993, durante una missione umanitaria nella Liberia orientale, mentre con il nostro autista e i miei due colleghi, ci stavamo avvicinando ad un cancello di controllo, il nostro veicolo pick-up 4 × 4 è stato immobilizzato a pochi metri dal suo passaggio. Questo è perfettamente normale perché in questo periodo la guerra civile infuria in tutto il paese e i controlli di identità sono numerosi man mano che si avvicina ciascun villaggio. La nostra missione era di recuperare una grande quantità di vaccini che avevamo lasciato nel nostro campo durante l'ultima evacuazione sicura.

Arrestato

Dopo aver spiegato ai nostri interlocutori, la ragione della nostra presenza su questa pista (distrutta dal deflusso delle acque piovane) eccoci tutti e quattro, in attesa del via libera dai militari – direi piuttosto, soldati, o ribelli, e infine vedere i bambini soldati presenti in grande numero. La risposta è chiara e precisa: 'NESSUN MODO! 'che può essere tradotto sul posto da:

"NON C'E DA ANDARE ! È VIETATO; NON SARETE IN SICUREZZA,  IL VOSTRO  VEICOLO NON SI MUOVE E NEMMENO VOI!"

Bene, insistiamo e il loro rifiuto diventa sempre più pressante, persino stressante. Il nostro veicolo è stato requisito con il nostro amico autista. E accadde quello che sarebbe successo senza essere preparati:  eravamo diventati in breve tempo tre umanitari europei, bloccati nella natura.

Alla fine, ci siamo trovati sequestrati in questo incrocio di strade polverose ai margini di una foresta pluviale lussureggiante e maestosa. Che contrasto tra questa bellezza naturale e la nostra situazione che sarebbe diventata piuttosto sgradevole con il passare delle ore.

Ti passo alcuni dettagli umilianti e delicati che sono accaduti dopo. Le mani dietro la schiena; Una Kalashnikov puntato sulla testa. Dovevo essere portato da qualche parte con il pick-up 4 × 4 per farmi non so cosa ; ma Dio ha deciso diversamente. Grazie.

Prigioniero

Scuriamo a sepolcro aperto su questa pista; saltiamo in tutte le direzioni tutte e tre nella parte posteriore nel pick-up del nostro veicolo, mi aggrappo in qualche modo alla grande gomma che funge da sedile, siamo a circa 150 km / h! Siamo trasferiti in un altro villaggio senza alcuna ragione o informazione. Scappiamo per un pelo alla prigione. Dopo l'uscita dei miei due colleghi e del nostro autista, la strada infernale continua per me. Sono imbarcato con i nostri amici soldati, seduti tra loro tutti sul cambio di un potente 4 × 4 che avevano completamente tagliato il tetto. A volte guidiamo a 180 km / h ; un tronco d'albero che giace in pista è evitato per un pelo. L'alcol scorre e le bottiglie passano di mano in mano, dalla bocca alla bocca. Io non dico nulla, prego solo per la mia vita ricordandomi i consigli di quella che sarebbe diventata mia moglie, una cristiana nata di nuovo.

Un desiderio

Dopo essere stato posto agli arresti domiciliari in un altro villaggio, da solo in una famiglia povera e premurosa nei miei confronti .

Ho chiesto a Dio di servirlo se mi rendeva la  mia libertà, sano e salvo!

Sono stato al finale trattenuto prigioniero durante tre settimane prima di ritrovare la libertà sul confine ivoriano.

Perché ti ho raccontato questa storia?

Ero un uomo peccatore, senza Dio, né padrone, e dopo un lento e serio avanzamento personale, ho mantenuto la mia promessa perché ho accettato Gesù nella mia vita come salvatore e Signore il 31 agosto 1997 ad Abidjan in Costa d Ivory. Da allora, non smette di  benedirmi con la mia famiglia!

Sì! Conoscere Dio è un privilegio, amare Gesù è grande!

Sono Web Missionnario presso TopChrétien, responsabile per i vari siti di presentazione del Vangelo tra cui ConnaitreDieu.com, MyStory.me, UnderstandDieu.com, JeVeuxMourir.com, JesusMonAmi.com, LaMarche.Jesus.net.

Se vuoi contattarmi, fallo senza esitazioni, ci sarò!

A presto !

Vincent

— Read more —
Contact me Learn more about Jesus

Similar stories