Pierre Lods

Consacrato a Dio già dal ventre materno

l miracolo

Dio è stato sempre presente nella nostra famiglia e nonostante la terribile notizia riguardante il bébé che mia madre portava in grembo (io), i miei genitori decisero di tenermi. Sarei dovuto nascere con una malformazione ma la loro preghiera era accompagnata da una promessa: « Signore fà che nostro figlio nasca normale e che ti serva ». E nella successiva visita medica la malformazione era sparita.

Dalla testa al cuore

Negli anni della mia adolescenza presi coscienza che ero un peccatore e che soltanto Gesù avrebbe potuto colmare quel vuoto che avevo nel cuore. Decido allora di consacrargli la mia vita e di lodarlo attraverso il canto. Imparo a suonare il pianoforte rapidamente, da solo nella mia camera, su una piccola tastiera. A 18 anni parto per gli Stati Uniti e per 3 anni vado in giro con un gruppo di canto missionario, viaggiando per il mondo intero. La profezia e la promessa dei miei genitori si realizzano e in quei tre anni la parola di Dio prese un'altra dimensione.

Il tempo della tentazione

La musica acquista un'importanza tale nella mia vita che decido di presentarmi a dei casting di reality show. Subito il desiderio di volere sempre di più mi porta a incontrare gente disonesta e nociva. E la discesa è molto rude. Mi erano state fatte innumerevoli promesse e mi sottraevano del denaro promettendomi mari e monti. Mi ritrovavo in un mondo di squali.

L'amore di Dio e la fede

Durante questa discesa decido di attaccarmi alla promessa di Dio fatta in Geremia 1:4-5. Inizio a frequentare una chiesa a Parigi, dove mi sento al mio posto. L'insegnamento che ricevo qui mi alimenta e mi fa prendere coscienza del mio stato. Decido quindi di porre fine a quelle relazioni e di offrire il mio talento completamente a Dio. Egli nel Suo amore mi ha protetto dalle situazioni che mi avrebbero portato alla catastrofe.  

Servizio a Dio e guarigione

Decido di fare degli album consacrati a Dio e ovviamente delle nuove lotte si presentano. Per 6 mesi dei forti mal di testa mi frenano nella mia consacrazione, ma Dio mi dà due versetti : Giacomo 4:7 e Isaia 53:5.

Da quel momento in poi Romani 8:28 acquista un reale senso nel mio cuore e nella mia vita.

Ringrazio Gesù per una tale guarigione e per tutte le benedizioni!

Se vuoi conoscermi meglio, contattami tramite MyStory, sarò lì per te.

Siate benedetti.

Pierre

— Read more —
Contact me Learn more about Jesus

Similar stories

Close
Close
Close